Title Image

Sapete riconoscere un Pavor notturno da un incubo? I consigli della consulente della nanna

Improvvisamente, durante la notte, sentite il vostro bambino urlare: occhi sbarrati, è agitato e spaventato e soprattutto non sembra cosciente: non è sveglio, ma nemmeno addormentato, il battito cardiaco accelerato.

Vi sembra che abbia avuto un brutto incubo e anche se all’apparenza è sveglio sembra non riuscire ad uscirne. Questo è il caso di un Pavor notturno.

Cos’è un Pavor Nocturnos?

In italiano pavor si traduce con terrore e si manifesta con delle “crisi” notturne che tuttavia non hanno natura patologica. Quindi vi posso subito rassicurare: i pavor notturni, per quanto terrorizzanti, non hanno conseguenze e di solito il bambino il mattino seguente non ricorda assolutamente nulla! In sostanza gli unici a prendersi uno spavento di solito sono proprio i genitori.

Perché alcuni bambini hanno i Pavor notturni?

È un piccolo problema comune nella prima infanzia soprattutto tra i 2 e i 5 anni.

Non è legato a nessuna patologia, né a traumi o problemi affettivi e, come già anticipato, non ha nessuna conseguenza. Visto che il bambino non è cosciente durante il Pavor non cercate di svegliarlo perché potrebbe essere traumatico. In questi casi la migliore cosa da fare è non fare nulla o al massimo parlare con toni tranquilla e pacati.

Ma qual è la differenza tra il pavor e un incubo?

IL PAVOR:

1.  Il Pavor accade di solito nella prima fase di sonno e il bambino il giorno dopo non ricorda nulla;

2.  In una crisi di Pavor i bambini possono anche urlare molto forte (motivo di spavento per i genitori) e anche quando i genitori si avvicinano non riescono a calmare il bimbo;

3. La dura media è di 5-15 minuti;

4. Accade solo nel 5% dei bambini.

GLI INCUBI:

1. L’incubo si manifesta nella seconda fase del sonno: quella del sonno REM popolato dai sogni;
2. Quando il bimbo si sveglia è cosciente, anche se semi-addormentato;

3. I bambini possono impiegare più tempo a riaddormentarsi.

Cosa fare per evitare sia incubi e Pavor?

1. Evitare la televisione dal pomeriggio (dalle 16 in poi) fino al momento della buonanotte;
2. Cercare di rispettare gli orari di sonno perché un bambino troppo stanco è più agitato e quindi più predisposto a queste situazioni;

3. Controllare che non soffre di apnea del sonno;

4. Non leggere libri con dei mostri e non parlare delle cose che fanno paura prima di andare a dormire.

Una cosa molto bella e utile da dire ai bambini è che possono avere tutti i sogni che vogliono, ma che poi possono iniziare a descrivere e a pensare ai bei momenti della giornata (per esempio al parco etc..) in modo tale da far si che si addormentino pensando ad immagini positive e imparando che possano controllare i loro pensieri!

No Comments

Post a Comment

Scrivici su WhatsApp
Ciao! Prenota qui la consulenza gratuita
Ciao!
Ciao! Scrivi per prenotare la tua consulenza gratuita di 15 minuti.
Ti risponderemo il prima possibile.

    PRENOTA QUI LA TUA CONSULENZA GRATUITA DI 15 MINUTI

    Problemi di nanna o con lo spannolinamento? Saremo felici di aiutarti